CONCORSO PIRANDELLO 2018 IL BLOG

Sono stati 130 studenti e studentesse a partecipare alla prima edizione del concorso Uno nessuno e centomila. Questo per provare quanto sia vivo, attuale, il messaggio dell’opera dello scrittore e drammaturgo premio Nobel Luigi Pirandello. Scuole italiane e straniere che si sono incontrate ad Agrigento, per vivere l’esperienza di una messinscena del loro lavoro, muoversi per la città natia dello scrittore, calcare le tavole di un vero palcoscenico.

La macchina operativa della nuova edizione del concorso è ripartita con un bando promosso dal MIUR, in collaborazione con il Distretto Turistico Valle dei Templi, la Strada degli Scrittori, la Fondazione Teatro Luigi Pirandello, l’Accademia di Belle Arti Michelangelo, Kaos Festival e con il patrocinio del Comune di Agrigento e del comitato Agrigento2020. Il coordinamento del concorso è stato affidato all’IPSSEOA Costaggini di Rieti. L’adesione, quest’anno, ha superato ogni aspettativa, ha registrato una sessantina di istituti e in città si prevede l’arrivo di circa 300 studenti. Con questo spirito, seguendo il filo della cultura e della letteratura, ecco la scuola che va oltre le aule e i banchi e si mette in gioco, viaggia, si confronta, attraverso le memorie e le novelle di uno scrittore del Sud Italia, fra i più rappresentati al mondo.

Grazie alla collaborazione del Maeci e all’inserimento del concorso nel Programma internazionale Italia, Culture, Mediterraneo, anche le scuole italiane all’estero di Parigi, Grenoble, Cluj Napoca, Istanbul arriveranno ad Agrigento dal 16 al 18 maggio. Un’opportunità ulteriore per approfondire la conoscenza della letteratura italiana e aprire un canale di dialogo e scambio.

Partecipare a Uno nessuno e centomila significa affrontare diverse piccole sfide, cooperare in una trasposizione teatrale e in un elaborato di scrittura che permette di spaziare nell’immaginazione e utilizzare le parole e le trame di Pirandello per dare loro nuova vita, per dimostrare la loro capacità lungimirante e sempre attuale. Significa viaggiare, svelare nuovi posti. Significa premiare la forza aggregatrice e la potenza della creatività, come veicolo didattico, per sapere, imparare e rimanere curiosi.

Quest’anno il MIUR ha aperto il concorso anche alle scuole secondarie di primo grado. Quindi per il 2018 anche i ragazzi e ragazze più giovani potranno rivelare il loro talento teatrale e rappresentare i loro lavori.

L’esperienza sarà seguita anche attraverso i social, per l’occasione lanciamo gli hashtag  #unonessunocentomila2018 #concorsopirandello2018 . 

Per dettagli e informazioni potete usare l’indirizzo email concorsopirandello2018@visitvalledeitempli.it

I premi e le motivazioni

La Commissione

Dietro le quinte… uno, nessuno, centomila