Si sono susseguiti docenti di altissimo profilo come Stefania Auci, Pietro Grasso, Federico Faloppa, Andrea Purgatori, Gaetano Micciché, Giuseppe Governale, Giuseppina Torregrossa e tanti altri.

Si è concluso con le lezioni del direttore di “Avvenire”, Marco Tarquinio, e dell’ex sindaco di Milano Giuliano Pisapia, oggi europarlamentare, il quarto Master di Scrittura organizzato dalla Strada degli Scrittori con il coordinamento scientifico di Treccani Cultura.
Un’edizione straordinaria, in tutti i sensi, perché ha dovuto affrontare le limitazioni necessarie per contenere il rischio contagio connesso al Covid-19, inaugurando le lezioni in streaming che hanno però consentito a decine di studenti di tutto il mondo di seguire le relazioni di docenti sempre di altissimo profilo come Stefania Auci, Pietro Grasso, Federico Faloppa, Andrea Purgatori, Gaetano Micciché, Giuseppe Governale, Giuseppina Torregrossa e tanti altri.

Il prof. Federico Faloppa durante la lezione

Una settimana che, per il quarto anno di fila, ha diffuso cultura e fatto parlare di Agrigento e dei suoi scrittori, consentendo di riflettere su cosa stanno diventando politica e comunicazione, sugli antidoti da adottare per salvarci dall’odio che infesta i canali social e non solo. Giorni di lezioni ma, anche, di escursioni nei luoghi della Strada degli Scrittori: dalla Favara di Antonio Russello alla Porto Empedocle di Pirandello e Andrea Camilleri passando dalla Racalmuto di Leonardo Sciascia.

Cavallaro introduce il Generale Governale, docente al Master di scrittura

“Abbiamo affrontato un’emergenza che nessuno, fino a poco tempo fa, avrebbe potuto prevedere – spiega il direttore dell’associazione Strada degli Scrittori, Felice Cavallaro -, decisi comunque a realizzare anche quest’anno il master per dare continuità e, se si vuole, speranza. L’obiettivo a cui lavorare adesso, per l’edizione 2021, è certamente quello già lanciato dal direttore generale della Treccani, Massimo Bray: la creazione ad Agrigento, magari nel cuore della Girgenti di Pirandello, di una vera e propria summer school di scrittura. Nel ringraziare tutti coloro che hanno permesso questa quarta edizione, a partire da Treccani, proseguendo con gli sponsor, cominciamo subito a lavorare per l’appuntamento del prossimo anno”.

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *