Data: 27/05/2016 – 29/05/2016
Tutto il giorno

Luogo: Fondazione Sciascia

Dal 27 maggio tre giorni dedicati a Leonardo Sciascia a Racalmuto.
Per cominciare una fitta corrispondenza tra Leonardo Sciascia e Vito Laterza in mostra alla Fondazione Leonardo Sciascia di Racalmuto. Più di cento le lettere che i due intellettuali si sono scambiati, tra il 1955 e il 1959, negli anni in cui lavoravano alla pubblicazione del saggio Le parrocchie di Regalpetra.

Tra le lettere anche alcune anticipazioni su quello che diventerà il romanzo più amato dai lettori di Sciascia e cioè Il giorno della civetta, pubblicato, dalla casa editrice Einaudi, nel 1961, dal quale è stato tratto l’omonimo film di Damiano Damiani.
Dietro la realizzazione della mostra c’è un lavoro di sinergia fra la Fondazione Sciascia, di cui è vice presidente Aldo Scimè, e la Casa editrice Laterza, oltre al coinvolgimento di un gruppo di ragazzi di Racalmuto. Fra gli sponsor anche il Trame festival di cui è direttore artistico Gaetano Savatteri.

Determinante, però, per realizzare la tre giorni di iniziative culturali il contributo economico dell’Italkali.
L’intera comunità di Racalmuto, con in testa il sindaco Emilio Messana, sarà protagonista della Festa della cultura, che si svolgerà da venerdì 27 a domenica 29 maggio, nei luoghi cari a Sciascia.

Ad aprire il calendario degli appuntamenti Moni Ovadia che venerdì leggerà alcuni passi agli alunni dell’istituto comprensivo Generale Macaluso di Racalmuto.

Sabato, alle 18, nella sede della Fondazione, dopo il saluto di Emilio Messana, presidente della Fondazione Sciascia, nonché sindaco di Racalmuto, si terrà il convegno dal titolo “Caro Vito, caro Leonardo…”. All’incontro interverranno: Felice Cavallaro, Giuseppe Laterza, Salvatore Silvano Nigro. Coordinerà lo scrittore e giornalista Gaetano Savatteri. E’ prevista la partecipazione del sottosegretario di Stato del ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca: Davide Faraone. In sala sarà presente anche Anna Maria Sciascia, una delle figlie dello scrittore.

Domenica 29, a partire dalle 10, “Racalmuto legge Le parrocchie di Regalpetra”.
A chiudere la tre giorni di festa Lello Analfino, David Coco, Francesca Incudine, Moni Ovadia, Kaballà.
De Le Parrocchie di Regalpetra, Leonardo Sciascia diceva così: “E’ stato detto che nelle Parrocchie di Regalpetra sono contenuti tutti i temi che ho poi, in altri libri, variamente svolto. E l’ho detto anch’io. In questo senso, quel critico che dalle Parrocchie cavò il giudizio che io fossi uno di quegli autori che scrivono un solo libro e poi tacciono (e se tacciono peggio per loro) aveva ragione (ma aveva torto, e sbagliava di grosso, nel non vedere che c’era nel libro un certo retroterra culturale che, anche in mancanza d’altro, sarebbe bastato a farmi scrivere altri libri). Tutti i miei libri in effetti ne fanno uno. Un libro sulla Sicilia che tocca i punti dolenti del passato e del presente e che viene ad articolarsi come la storia di una continua sconfitta della ragione e di coloro che nella sconfitta furono personalmente travolti e annientati. Queste vittime, questi personaggi, sono stati (chi sa perché) scambiati da qualche critico per personaggi “positivi”, di obbedienza, per così dire, stalinista. Errore piuttosto grossolano, direi”.
Racalmuto, 25.05.2016

L’ufficio stampa – Fondazione Leonardo Sciascia
Margherita Gigliotta – 3470628448
Concetta Rizzo – 3384833004

Per info:
Fondazione Sciascia – tel/fax. 0922/941993949431
www.regalpetra.itfondazioneleonardosciasc@tin.it