Il Liceo scientifico Leonardo di Agrigento per la terza volta sostanzia la sua presenza al Concorso internazionale Uno nessuno e centomila. Non solo con la sua collaborazione nell’accoglienza inappuntabile di studenti provenienti da ogni parte del mondo ma anche con una propria produzione teatrale, che finora ha conquistato il pubblico per originalità e qualità nella recitazione.

La prof. Rosa Maria Fallea

La prof. Rosa Maria Fallea

– “Le maschere” racconta di un ritorno e di una vendetta. Com’è nata l’idea di questa drammaturgia?

“Le Maschere” – afferma la professoressa Rosa Maria Fallea racconta di un recupero della memoria, un ritrovare se stessi nei caratteri della sicilianità, collegandoci a uno studio fatto da Pirandello e Martoglio di un mondo che sembra perduto, ma che perduto non è.

– Quali sono le tematiche pirandelliane che più toccano da vicino i suoi studenti?

Abbiamo notato che oggi, come sempre, i temi trattati da Pirandello affascinano i nostri studenti, in particolare a loro sono cari: la follia, la ricerca di se stessi, il prendere coscienza di tutto un mondo sconosciuto che appartiene al loro territorio.

– Quanto tempo dedicano al Teatro?

Dedichiamo al teatro circa un’ora a settimana.

Qual è, secondo lei, la funzione del Teatro?

Il teatro nella formazione dell’individuo ha una grande valenza perché rompe le barriere del pregiudizio, dell’ipocrisia, della timidezza, rende gli studenti protagonisti attivi e non passivi, stimola lo spirito di collaborazione, la comunicazione , il linguaggio e le relazioni.

Il ricorso alla lingua siciliana quali difficoltà comporta? Perché questa scelta?

L’utilizzo della lingua siciliana comporta diverse difficoltà, la prima è che la maggior parte degli studenti non la conosce, la seconda è che essa è spesso ritenuta la lingua degli ignoranti. La nostra scelta si fonda sul fatto che il dialetto è la lingua dei nostri antenati e indica le nostre radici e dimostra la nostra appartenenza a un luogo, a un periodo storico, ci identifica e ci colloca nel tempo e nello spazio.

img-20190430-wa0027

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *